Numero dipendenti (2017)

Quantità di rifiuti radioattivi presenti (2018)

Inizio decommissioning

Anno raggiungimento brown field

Valore raggiungimento brown field

I PROGETTI DI DECOMMISSIONING

Smantellamento impianto produzione combustibile
realizzati

Smantellamento impianto produzione combustibile

L’impianto di produzione del combustibile nucleare rappresentava, all’epoca dell’esercizio, il “cuore” dell’impianto di Bosco Marengo. Era infatti qui che avvenivano le attività di realizzazione delle pastiglie che compongono gli elementi di combustibile.

Scopri di più

1/5
Adeguamento locale B106 a deposito temporaneo
realizzati

Adeguamento locale B106 a deposito temporaneo

Nel 2017 sono iniziati i lavori di adeguamento a deposito temporaneo del locale B106, situato all’interno dell’edificio BLD1.

Scopri di più

2/5
/images/decommissioning/1.jpg
realizzati

Adeguamento Sistema antincendio e demolizione ex bacino idrico

Nel 2018 sono iniziate le operazioni per collegare il sistema antincendio al nuovo bacino idrico, realizzato nel 2015.

Scopri di più

3/5
Manutenzione straordinaria overpack
realizzati

Manutenzione straordinaria overpack

Nel biennio 2012-2013 è stata condotta una campagna di manutenzione straordinaria di 611 overpack contenenti i rifiuti radioattivi prodotti durante l’esercizio dell’impianto.

Scopri di più

4/5
Trattamento rifiuti radioattivi solidi e liquidi
IN CORSO

Trattamento rifiuti radioattivi solidi e liquidi

Durante l’esercizio dell’impianto sono stati prodotti 390 fusti da 220 litri contenenti rifiuti radioattivi solidi a cui si aggiungono 741 fusti prodotti nel decennio 2009-2018 dalle attività di smantellamento.

Scopri di più

5/5

GESTIONE DEL COMBUSTIBILE E DEI RIFIUTI

Tutto il combustibile è stato allontanato per il riprocessamento. I rifiuti radioattivi sono gestiti in sicurezza e stoccati nei depositi temporanei presenti nel sito.

AMBIENTE

A garanzia della sostenibilità ambientale, tutti gli interventi sono progettati, realizzati e monitorati in modo da non produrre alcun impatto, sia radiologico sia convenzionale, sull’ambiente.

Approfondisci

Gallery

 

La Storia dell'impianto

L’impianto Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo, realizzato nei primi anni Settanta, prende la propria denominazione dal nome della società costruttrice, “Fabbricazioni Nucleari SpA”. 

L’impianto è entrato in funzione nel 1973 e nel corso del suo esercizio ha prodotto gli elementi di combustibile per centrali nucleari in Italia e all’estero. 

A partire dal 1987, con la chiusura del programma nucleare italiano, l’impianto ha gradualmente diversificato l’attività, specializzandosi in settori ceramici avanzati quali artroprotesi sanitarie, componenti porosi per celle a combustibile per l’industria, inserti per utensili da taglio e altri prodotti. 

Nel 1989 la gestione dell’impianto è passata a ENEA e, nel 1995, le attività nucleari dell’impianto sono state fermate. 

Da allora sono proseguite le attività in campo tecnologico convenzionale ed è stato garantito il mantenimento in sicurezza delle strutture. Nel 2005, Sogin è divenuta proprietaria dell’impianto, assorbendo la parte nucleare del personale FN con l’obiettivo di realizzarne il decommissioning.