Vendor rating

Sogin ha adottato un sistema di valutazione delle prestazioni rese dagli operatori economici, denominato Vendor Rating, per misurarne la qualità e favorirne il continuo miglioramento delle performance aziendali. 

In particolare, tale sistema consente alla Società di avere informazioni sempre aggiornate sugli operatori economici, attraverso la valutazione periodica delle loro prestazioni, e di stabilire un rapporto chiaro e collaborativo con i propri fornitori. 

Con cadenza trimestrale su ogni contratto di importo pari o superiore a 10.000 euro affidato da Sogin - sia che riguardi operatori qualificati che non qualificati - viene effettuata una valutazione a cui è associato un Indice di Vendor Rating (IVR). 

Sono esclusi dal perimetro di osservazione gli incarichi a liberi professionisti, gli abbonamenti, gli affitti, le utenze e le sponsorizzazioni ovvero altre forme di collaborazione dove è prevalente l’aspetto di pubblico servizio. 

Come si calcola l'IVR 


L’IVR viene calcolato come media ponderata di alcuni driver di valutazione definiti. Ogni parametro viene valorizzato su scala compresa tra 0 e 10 e, successivamente, “pesato” in funzione dell’importanza degli stessi driver.

Su cosa vi valutiamo? 


  • Conformità alla specifica tecnica 
  • Flessibilità e tempestività
  • Competenza del personale 
  •  Mezzi d’opera o strumentazioni(nel caso di Forniture si valutano gli aspetti commerciali/amministrativi) 
  •  Rispetto dei tempi di esecuzione 
  •  Valutazione complessiva della qualità della prestazione / proattività (nel caso di Forniture si valutano gli aspetti commerciali/amministrativi)

Effetti sul sistema di qualificazione 


 Il valore dell'Indice di Vendor Rating determina la valutazione della prestazione resa dall’operatore economico e gli sarà periodicamente comunicato secondo criteri definiti da Sogin.

Nel caso in cui il fornitore, al termine del periodo di osservazione contrattuale, mostri un andamento delle performance non soddisfacente, si potranno avere effetti sulla qualificazione - nel caso di operatori qualificati – o sulla possibilità di conseguire futuri affidamenti diretti da parte di Sogin. 

L’IVR negativo può determinare l’esclusione dalle procedure di gara, sia per fornitori qualificati che non, oltre che il rigetto di eventuali richieste di qualifica. 

 Infine, l’IVR positivo non comporta l’automatica accettazione di domande di iscrizione al sistema di qualificazione di Sogin, per le quali occorre comunque dimostrare il possesso dei requisiti richiesti dai rispettivi disciplinari di qualifica.