Gestione dei rifiuti radioattivi

Nell’impianto di Bosco Marengo sono stoccati in sicurezza, nei depositi temporanei, i rifiuti radioattivi prodotti dal pregresso esercizio e quelli derivanti dalle operazioni di smantellamento.
Il volume dei rifiuti radioattivi presenti nel sito al 31.12.2020, classificati secondo le disposizioni del decreto interministeriale del 7 agosto 2015, è di 500 metri cubi (mc). La quasi totalità di questi rifiuti radioattivi è in forma solida, mentre circa lo 0,7% (pari a 3,7 metri cubi) è in forma liquida.

Il volume può variare di anno in anno con il progredire delle attività di mantenimento in sicurezza e di decommissioning e delle modalità di condizionamento dei rifiuti pregressi.

Quantitativo (in metri cubi) dei rifiuti radioattivi, suddivisi per tipologia, presenti nell’impianto di Bosco Marengo al 31.12.2020

Quantitativo (in metri cubi) dei rifiuti radioattivi, suddivisi per tipologia, presenti nell’impianto di Bosco Marengo al 31.12.2017

A vita media molto breve Attività molto bassa Bassa attività Media attività Alta attività

0 172 328 0
0
Totale 500
Per lo stoccaggio in sicurezza dei rifiuti solidi, è stato predisposto l’edificio BLD11 quale stazione di “buffer” provvisorio, in attesa dell’entrata in esercizio del nuovo deposito temporaneo B106, le cui caratteristiche progettuali dell’area di stoccaggio sono riportate di seguito. Di questi rifiuti solidi, una parte è stata già trattata e condizionata negli impianti Nucleco.

  Buffer provvisorio BLD11 
  • Volume area di stoccaggio: 4.492 mc 
  • Capacità massima di stoccaggio: 510 mc di rifiuti radioattivi 
  • Quantità di rifiuti stoccati: 508 mc di rifiuti radioattivi 
  • Superficie: 562 mq  
Deposito temporaneo B106  
  • Volume area di stoccaggio: 4.420 mc 
  • Capacità massima di stoccaggio: 525 mc (pari a 1.376 overpack da 380 litri)
  • Superficie: 568 mq  
La minima quantità di rifiuti liquidi di molto bassa (VLLW) e bassa attività (LLW), prodotti durante l’esercizio, sono invece stoccati sul sito in condizioni di sicurezza in attesa dell’approvazione del piano operativo per il loro trattamento e condizionamento. 

I manufatti, prodotti dai processi di trattamento e condizionamento dei rifiuti, verranno stoccati temporaneamente a Bosco Marengo, in attesa del conferimento al Deposito Nazionale

Al termine del graduale trasferimento al Deposito Nazionale, tutti i depositi temporanei saranno demoliti. A questo punto l’area, una volta verificata l’assenza dei vincoli di natura radiologica, raggiunge lo stato di “green field” (prato verde) che consente di restituire il sito alla collettività per il suo riutilizzo. 

Per lo stoccaggio in sicurezza dei rifiuti solidi, è stato predisposto l’edificio BLD11 quale stazione di “buffer” provvisorio, in attesa dell’entrata in esercizio del nuovo deposito temporaneo B106, le cui caratteristiche progettuali dell’area di stoccaggio sono riportate di seguito. Di questi rifiuti solidi, una parte è stata già trattata e condizionata negli impianti Nucleco.