Numero dipendenti (2017)

Quantità di rifiuti radioattivi presenti (2018)

Inizio decommissioning

Anno raggiungimento brown field

Valore raggiungimento brown field

I PROGETTI DI DECOMMISSIONING

/images/decommissioning/1.jpg
realizzati

Demolizione delle torri di raffreddamento

Durante l’esercizio della centrale le torri di raffreddamento a umido permettevano di raffreddare l’acqua del circuito secondario in uscita.

Scopri di più

1/12
Demolizione dell’Edificio Diesel di Emergenza
realizzati

Demolizione dell’Edificio Diesel di Emergenza

L’edificio Diesel d’emergenza ospitava i generatori di corrente da utilizzare in caso di interruzione dell’approvvigionamento di energia elettrica dall’esterno, per garantire il continuo funzionamento di tutti i sistemi di sicurezza della centrale.

Scopri di più

2/12
Rimozione della traversa sul Po
realizzati

Rimozione della traversa sul Po

Durante l’esercizio della centrale la traversa sul fiume Po favoriva l’ottimizzazione dell’approvvigionamento idrico, canalizzando l’acqua necessaria per il suo funzionamento .

Scopri di più

3/12
Smantellamento turbine
IN CORSO

Smantellamento edificio turbine

L’edificio turbine, suddiviso in tre livelli e ricoperto da una struttura metallica esterna, durante l’esercizio della centrale ospitava il sistema secondario dell’impianto che permetteva di trasformare il calore del vapore in energia elettrica.

Scopri di più

4/12
Adeguamento depositi temporanei
PROGRAMMATI

Adeguamento depositi temporanei

Nella centrale sono presenti due depositi temporanei per i rifiuti radioattivi, chiamati n.1 e n.2, e un buffer temporaneo, il test tank, che ospitano tutti i rifiuti pregressi presenti nel sito all’interno di contenitori di differenti tipologie.

Scopri di più

5/12
Adeguamento locale Test Tank
realizzati

Adeguamento locale Test Tank

Durante l’esercizio della centrale, il locale Test Tank ospitava due serbatoi di riserva per la raccolta dell’acqua demineralizzata derivante dal sistema radwaste.

Scopri di più

6/12
/images/Trino_estrazione_trattamento_resine_slider.jpg
IN CORSO

Estrazione e trattamento resine

Le resine a scambio ionico esaurite (filtri), utilizzate per la purificazione dei liquidi radioattivi, sono state prodotte durante l’esercizio della centrale (acqua di raffreddamento del reattore, piscina del combustibile, scarichi radioattivi) e, margina

Scopri di più

7/12
waste disposal
IN CORSO

Smantellamento dei componenti waste disposal e realizzazione del nuovo radwaste

Durante l’esercizio, il waste disposal era il locale che ospitava i componenti per il drenaggio e il controllo finale dei reflui liquidi della centrale prima del loro rilascio.

Scopri di più

8/12
Stazione di gestione materiali
IN CORSO

Stazione di gestione materiali

Nei locali che durante l’esercizio ospitavano i sistemi di ventilazione, nel 2016 è avvenuta la rimozione degli accumulatori e dai componenti del sistema di raffreddamento di emergenza.

Scopri di più

9/12
Stazione di cementazione
PROGRAMMATI

Stazione di cementazione

Per completare lo smantellamento della centrale, è necessario realizzare una stazione di cementazione, con l’obiettivo di immobilizzare i rifiuti radioattivi in una matrice cementizia certificata, in linea con i criteri di stoccaggio richiesti dal Deposit

Scopri di più

10/12
Smantellamento del reattore
IN CORSO

Smantellamento del reattore

Nell’edificio reattore è contenuta la maggior parte della radioattività del sito. Per questo lo smantellamento dei sistemi, del vessel e degli altri componenti in esso presenti è tra i più complessi da realizzare.

Scopri di più

11/12
Smantellamento edificio ausiliari al reattore
IN CORSO

Smantellamento edificio ausiliari al reattore

L’edificio ausiliari, adiacente all’edificio reattore, contiene tutti i sistemi che, durante l’esercizio, permettevano il funzionamento del reattore (compresi la piscina dei purificatori e la piscina del combustibile SFP).

Scopri di più

12/12

GESTIONE DEL COMBUSTIBILE E DEI RIFIUTI

Tutto il combustibile irraggiato è stato allontanato per il riprocessamento. I rifiuti radioattivi sono gestiti in sicurezza e stoccati nei depositi temporanei presenti nel sito, mentre i materiali convenzionali, per la maggior parte metalli e calcestruzzo, sono riutilizzati o riciclati.

AMBIENTE

A garanzia della sostenibilità ambientale, tutti gli interventi sono progettati, realizzati e monitorati in modo da non produrre alcun impatto, sia radiologico sia convenzionale, sull’ambiente.

ApprofondisciRE.MO - Rete di Monitoraggio

Gallery

 

La Storia della Centrale

La centrale nucleare “Enrico Fermi” di Trino è stata costruita da un consorzio di imprese guidate da Edison e ha rappresentato la prima iniziativa industriale italiana nel settore nucleare. La sua costruzione è iniziata nel 1961. Dopo appena tre anni, nell’ottobre 1964, la centrale ha cominciato la produzione di energia elettrica. L’impianto, di tipo PWR (Pressurized Water Reactor), aveva una potenza di produzione elettrica di 270 MWe. Nel 1966 la proprietà è passata a Enel e nel 1987, all’indomani del referendum sul nucleare, la centrale è stata fermata. Nel 1990 l’impianto è stato definitivamente disattivato. Da allora è stato garantito il mantenimento in sicurezza delle strutture e degli impianti a tutela della popolazione e dell’ambiente. La centrale, con il migliore standard di rendimento fra quelle italiane, ha complessivamente prodotto 26 miliardi di kWh di energia elettrica. Nel 1999 Sogin ne è divenuta proprietaria con l’obiettivo di realizzarne il decommissioning.