Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Localizzazione

Il Decreto legislativo n. 31/2010 descrive puntualmente l’iter di localizzazione del Deposito Nazionale e Parco Tecnologico. 

Sogin ha consegnato, entro il termine previsto dalla legge, all’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA, ora ISIN – Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione) la proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) a ospitare il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico. 

Per “aree potenzialmente idonee” si intendono le zone che presentano caratteristiche favorevoli all’individuazione del sito idoneo alla localizzazione del Deposito Nazionale, che sarà successivamente oggetto di indagini di dettaglio per la qualifica del sito. Nell’elaborare la CNAPI Sogin ha applicato i criteri di localizzazione stabiliti nella Guida Tecnica n. 29 di ISPRA (oggi ISIN) e indicati dall’IAEA con la Safety Guide n. 29.
Dopo un’attenta verifica, che ha comportato diverse richieste di integrazione, l’ISIN ha validato la CNAPI trasmettendola al Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM).

Come previsto dal quadro normativo, il MiSE e il MATTM hanno richiesto a Sogin e ISPRA (ora ISIN) approfondimenti tecnici sulla proposta di CNAPI per avere tutti gli elementi necessari a esprimere il nulla osta alla pubblicazione della Carta.
Ottenuto il nulla osta da parte dei Ministeri competenti, Sogin ha pubblicato sul sito depositonazionale.it la CNAPI, il progetto preliminare del Deposito e la documentazione correlata prevista dal D.lgs. 31/2010. Tale pubblicazione ha dato avvio alla fase di consultazione pubblica della durata di 180 giorni, che si è conclusa il 5 luglio 2021. Durante questo periodo i soggetti portatori di interessi qualificati hanno trasmesso a Sogin osservazioni e proposte tecniche, che sono disponibili dal 16 luglio 2021 sul sito depositonazionale.it.
 
Documenti correlati