Roma, 19 dicembre - Tavolo della Trasparenza Regione Lazio

​Roma, 19/12/2014 - È stato presentato oggi il Tavolo della Trasparenza Regione Lazio per le attività di dismissione della centrale nucleare di Latina. Il Tavolo è composto da tutte le amministrazioni territorialmente coinvolte (comuni nel raggio di 30 km dalla centrale pontina), da soggetti territoriali e dalle associazioni che ne facciano richiesta, al fine di garantire un trasparente flusso informativo alle popolazioni sulle attività di decommissioning e gestione dei rifiuti radioattivi che Sogin sta portando avanti nell'impianto.

Milano, 12 dicembre: Seminario internazionale sul decommissioning nucleare

​Venerdì 12 dicembre Sogin organizza, con il patrocinio della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea, il Seminario Internazionale “Il decommissioning nucleare: un’opportunità di sviluppo sostenibile a livello globale”. L'appuntamento è alle ore 9.00 presso la Sala Leonardo del Centro Congressi Palazzo delle Stelline, in Corso Magenta 61.
  
La partecipazione è libera previa iscrizione tramite email all’indirizzo partecipazione.eventi@sogin.it
 
In allegato il programma della giornata

Garigliano, 2 dicembre: Tavolo della Trasparenza Regione Campania

​Garigliano, 02/12/2014 - Si è riunito presso la centrale nucleare del Garigliano il Tavolo della Trasparenza sulle attività di dismissione dell’impianto, convocato dall’assessore all’Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano. Oltre al management Sogin, all’incontro erano presenti, tra gli altri, Domenico Zinzi, Presidente della Provincia di Caserta, Lamberto Matteocci dell’Ispra, Patrizia Gaetano, Sindaco di Castelforte, Paolo Graziano, Sindaco di Minturno, gli Assessori dei Comuni di Sessa Aurunca e Itri, Paolo Rossi del Ministero della Salute, funzionari di Arpa Lazio e Arpa Campania e i rappresentanti di varie associazioni del territorio.

In allegato la presentazione di Sogin

Torino 26 novembre 2014 - Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte

Torino, 26/11/2014 - Si è svolto presso la sala "Multimediale" della Regione Piemonte il Tavolo della Trasparenza, presieduto dall’Assessore regionale all’Ambiente, Alberto Valmaggia. Al Tavolo, oltre al management Sogin, hanno partecipato, fra gli altri, Lamberto Matteocci dell’Ispra,  Angelo Robotto Direttore Generale di Arpa Piemonte, Graziano Volpe, Dirigente risanamento acustico, atmosferico, elettromagnetico e grandi rischi industriali della Direzione Ambiente della Regione, i Sindaci e le Associazioni Ambientaliste del territorio.

 

In allegato la presentazione di Sogin e le risposte ai quesiti posti da Legambiente

 

Roma, 18 novembre: incontro pubblico “Messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi: verso un deposito unico nazionale”

Sogin partecipa all'incontro pubblico “Messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi: verso un deposito unico nazionale”, promosso dalla Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile, che si svolgerà a Roma martedì 18 novembre alle ore 9.30, presso la Società Geografica Italiana (Palazzetto Mattei - Villa Celimontana - Via della Navicella n. 12).

In allegato il Programma.

Milano, 7 novembre: Seminario Sogin - Anci "Deposito nucleare, vediamoci chiaro"

​Nell’ambito delle attività volte a informare e dare voce e ascolto alle comunità locali, Sogin, in collaborazione con l'Anci, organizza il seminario Deposito nucleare, vediamoci chiaro. Il polo tecnologico di eccellenza e deposito per i rifiuti radioattivi, struttura per la sicurezza del Paese e occasione di sviluppo per i territori.
 
Lo scorso 4 giugno, con la pubblicazione dei criteri da parte di ISPRA, è partito l’iter di localizzazione del sito idoneo ad ospitare il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, un’infrastruttura ambientale di superficie dove mettere in totale sicurezza tutti i rifiuti radioattivi: un diritto degli italiani e un’esigenza del Paese.
 
Il compito di localizzare e realizzare il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico è affidato a Sogin. Si tratta di un progetto strategico che consentirà di terminare il decommissioning degli impianti nucleari e di sistemare definitivamente tutti i rifiuti radioattivi, compresi quelli prodotti dalle attività di medicina nucleare, industriali e di ricerca, che continueranno a generare rifiuti anche in futuro. Insieme al Deposito sarà realizzato il Parco Tecnologico: un centro di ricerca, aperto a collaborazioni nazionali e internazionali con enti di ricerca, università e operatori industriali, dove svolgere attività nel campo del decommissioning, della gestione dei rifiuti radioattivi e dello sviluppo sostenibile in accordo con il territorio interessato.
 
L'evento si svolgerà il prossimo 7 novembre a Milano, nell'ambito della XXXI Assemblea annuale ANCI, dalle ore 16 alle 17.30 presso la sala Conferenze Stampa della Fiera Milano Congressi (P.le Carlo Magno, Gate 17).
 
In allegato il programma del seminario.

Rimini, 6 novembre: Sogin al convegno organizzato dall'Osservatorio per chiusura del ciclo nucleare

​Sogin partecipa al convegno "GREEN ECONOMY. Decommissioning delle centrali nucleari e sito di smaltimento dei rifiuti radioattivi: a che punto siamo e quali effetti ambientali, economici e sociali?", organizzato dall´Osservatorio per chiusura del ciclo nucleare.
 
L'appuntamento è per giovedì 6 novembre, ore 15.00, presso la Sala Tiglio 2, Padiglione A6 di Ecomondo, la Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile, a Rimini.
 
In allegato il programma del convegno

Visita di una delegazione del Ministero dell’Interno guidata dal Sottosegretario Gianpiero Bocci alla centrale di Trino

Centrale di Trino - Un momento della visita del Sottosegretario al Ministero degli Interni, G. Bocci, con il Prefetto di Vercelli, S. Malfi, e l'AD Sogin, R.Casale 

Trino, 29/10/2014 - Questo pomeriggio hanno visitato la centrale nucleare di Trino il Sottosegretario al Ministero dell'Interno, On. Gianpiero Bocci, il Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Alberto Di Pace, e il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Gioacchino Giomi, accompagnati dal Prefetto di Vercelli, Salvatore Malfi.

Presenti, inoltre, l’Assessore Regionale all’Ambiente, Alberto Valmaggia, i Consiglieri regionali, Gabriele Molinari e Giovanni Corgnati, e i Sindaci di Trino, Alessandro Portinaro, di Saluggia, Firmino Barberis, e di Livorno Ferraris, Stefano Paolo Corgnati.

La delegazione è stata accolta da Riccardo Casale, Amministratore Delegato di Sogin, Società pubblica responsabile dello smantellamento degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi. 

Nota informativa - Impianto Eurex Saluggia

Sogin, domani esercitazione annuale di emergenza nella centrale di Latina

Roma, 15/10/2014. Sarà effettuata domani, 16 ottobre, l’esercitazione annuale di emergenza presso la centrale nucleare di Latina. Durante la prova, svolta alla presenza dell’Autorità di controllo Ispra, è prevista l’attivazione delle sirene d’allarme, con il funzionamento per circa 2 minuti nella sequenza di preallarme e 2 minuti nella sequenza di allarme.
 
L’esercitazione avviene con frequenza annuale e ha lo scopo di verificare la corretta applicazione da parte del personale delle procedure di emergenza, nell’ambito del programma per le attività di controllo delle apparecchiature e di addestramento. 

Tavolo della Trasparenza Regione Basilicata

​Potenza, 29/09/2014 - Si è svolto, presso la sala "Gregorio Inguscio" della Regione Basilicata, il Tavolo della Trasparenza, presieduto dall’Assessore regionale all’Ambiente e Territorio, Aldo Berlinguer. Al tavolo, hanno partecipato, oltre al management Sogin, Lamberto Matteocci dell’Ispra, Aldo Schiassi dell'Arpab, i rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, della Regione Basilicata, i Sindaci e le Associazioni Ambientaliste del territorio.

In allegato la presentazione di Sogin

Il Gruppo Sogin alla Notte Europea dei Ricercatori 2014

I visitatori intorno alla Tenda a tenuta Alfa

Roma, 26/09/2014. Ha partecipato anche il Gruppo Sogin alla IX edizione della Notte Europea dei Ricercatori, un progetto promosso dalla Commissione Europea per avvicinare i cittadini e soprattutto i giovani al mondo della ricerca.

Dalle ore 19 fino alle 23, Sogin ha accolto i visitatori nel Centro Ricerche Casaccia con l'obiettivo di far conoscere il lavoro che sta portando avanti per terminare le attività di decommissioning (smantellamento) degli impianti nucleari italiani, fra cui quelli di ricerca Ipu e Opec presenti nel sito di Casaccia.

Nel corso dell’evento è stato illustrato il ciclo di gestione dei rifiuti radioattivi in Italia.

Protagonista della serata è stata la tenda di contenimento a tenuta alfa, che Sogin impiega per smantellare in totale sicurezza le cosiddette ‘scatole a guanti’, una delle attività più delicate fra quelle portate avanti oggi dalla Società, trattandosi di apparecchiature contaminate da plutonio. La tenda esposta, un prototipo del tutto simile a quella originale, ha permesso di simulare, attraverso appositi passaggi guantati i movimenti che i tecnici Sogin svolgono per smantellare dall’esterno le ‘scatole a guanti’, che erano usate durante gli anni d’esercizio degli impianti per fare ricerca sul combustibile nucleare.

 

In allegato la nota stampa di annuncio dell'evento.

Nota informativa - Impianto Bosco Marengo

Una delegazione di Amministratori locali visita l’impianto Itrec di Rotondella

Rotondella, 30/08/2014 – Questa mattina Sogin ha ricevuto nell'impianto Itrec di Rotondella una delegazione di Amministratori del territorio, che chiedevano chiarimenti rispetto a quanto accaduto nei giorni scorsi durante i lavori di bonifica della cosiddetta 'fossa 7.1'.

Erano presenti il Sindaco di Rotondella, Vito Agresti, assieme ad alcuni suoi Consiglieri, il Sindaco di Nova Siri, Eugenio Stigliano e il Vice Sindaco di Policoro, Enrico Bianco.

I tecnici Sogin hanno accompagnato i rappresentanti istituzionali sul cantiere fornendo una completa informativa su quanto accaduto, sugli interventi adottati per gestire nella massima sicurezza l'anomalia verificatasi e hanno spiegato che si terrà conto dell'accaduto per riprendere e terminare i lavori di bonifica della fossa. In particolare, sono state illustrate le procedure e tutti gli strumenti messi in campo per avviare questa delicata attività di bonifica, che hanno permesso di gestire al meglio l'evento verificatosi. Gli amministratori locali si sono detti soddisfatti e rassicurati circa l'entità dell'evento che non ha avuto alcuna rilevanza radiologica per i lavoratori, la popolazione e l'ambiente.

 
Il cantiere per la bonifica della fossa 7.1                    Il monolite interrato contenente rifiuti radioattivi

Impianto Itrec di Rotondella: avanzamento e informativa sui lavori di bonifica della Fossa 7.1