IMPIANTO DI BOSCO MARENGO: ESITI DELLA CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE CONVENZIONALE

Roma, 12/05/2016 – Nell’ambito delle attività di smantellamento dell’impianto FN di Bosco Marengo (Alessandria), Sogin ha condotto nell’ultimo periodo, in aggiunta al monitoraggio radiologico, studi di caratterizzazione anche sotto il profilo convenzionale delle matrici atmosfera, suolo-sottosuolo e acque sotterranee.

Giornata Mondiale della Salute e Sicurezza sul Lavoro, la centrale nucleare del Garigliano illuminata di arancione

28/04/2016 – La centrale nucleare del Garigliano (Caserta) si è “colorata” di arancione per sottolineare l’attenzione del Gruppo Sogin alla salute e sicurezza sul lavoro. Così anche quest’anno la Società, che ha il compito di smantellare gli impianti nucleari italiani e localizzare, realizzare e gestire il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, partecipa alla Giornata Mondiale della Salute e Sicurezza sul Lavoro.
 
L’iniziativa è partita ieri sera con il progressivo “tingersi” di arancione della caratteristica “sfera” dell’edificio reattore della centrale nucleare campana, in fase di smantellamento (decommissioning).
 
 

Il Gruppo Sogin alla Conferenza ESRI Italia 2016

Il Gruppo Sogin ha partecipato alla Conferenza ESRI Italia 2016 che si è svolta il 20 e 21 aprile presso l'Ergife Palace Hotel di Roma. L’evento coinvolge ogni anno più di mille persone e rappresenta un’occasione unica d’incontro per quanti si interessano di Sistemi Informativi Geografici, tecnologie geospaziali, geolocalizzazione, Geomatica.
 
Sogin è stata invitata a partecipare alla Conferenza, insieme ad altre società, per testimoniare la propria esperienza e punto di vista sull'uso delle soluzioni di georeferenziazione. In questa occasione ESRI ha assegnato il premio Tecnologie per l’Ambiente 2016 al progetto "RE.MO. - REte di MOnitoraggio”, il portale cartografico di Sogin che raccoglie i dati sul monitoraggio ambientale, convenzionale e radiologico, degli impianti nucleari, nonché informazioni sull’andamento dei lavori di decommissioning.
 
In allegato il programma della Conferenza ESRI Italia 2016.

Tavolo della Trasparenza - Regione Emilia-Romagna

Caorso, 20/04/2016 - Si è svolta oggi la prima riunione del Tavolo della Trasparenza sulle attività di decommissioning della centrale nucleare di Caorso (Piacenza), convocato dall’assessore all’Ambiente della Regione Emilia - Romagna, Paola Gazzolo. Nel corso dell'incontro Sogin ha illustrato le attività di smantellamento e di gestione dei rifiuti radioattivi in corso e future presso l'impianto piacentino.

In allegato la presentazione illustrata di Sogin

Centrale di Caorso, prosegue il decommissioning

Nei giorni scorsi ISPRA ha pubblicato una nota sul proprio sito internet in cui dà notizia dell'approvazione del Progetto Particolareggiato presentato da Sogin per la realizzazione, all'interno dell'edificio turbina della centrale di Caorso (PC), di una stazione per lo stoccaggio provvisorio e il trattamento dei rifiuti radioattivi. 
 
Ecco il link alla notizia su isprambiente.gov.it.

Confermata la registrazione EMAS per la centrale di Caorso

​Nel marzo 2016 è stata confermata la registrazione EMAS della centrale di Caorso, con la Dichiarazione Ambientale aggiornata al 2015.
 
Tale conferma evidenzia l’impegno continuo di tutto il personale della centrale per mantenere elevate prestazioni ambientali nelle attività e applicare azioni mirate per ridurre al minimo gli impatti ambientali.

Centrale del Garigliano, Sogin illumina la sfera “di rosa”

In occasione della festa della donna, la sera dell'8 marzo Sogin ha illuminato "di rosa" la sfera della centrale nucleare del Garigliano (CE), oggi in fase di decommissioning.
 
L’iniziativa è partita alle ore 21.00 con il lento mutamento cromatico della struttura al cui interno è presente il reattore dell'impianto.
 

La centrale campana è stata costruita alla fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta su progetto dell’ingegnere Riccardo Morandi. 

Nota stampa in merito all'ordinanza del Comune di Latina

26/02/2016 – In merito all’ordinanza emessa dal Commissario Straordinario del Comune di Latina, Sogin sottolinea che il clorulo di vinile è un analita estraneo al ciclo produttivo della centrale di Latina e che i valori riscontrati oltre la soglia di legge nella falda non sono riferibili agli interventi di decommissioning che sono portati avanti nel rigoroso rispetto della normativa.

Sogin parteciperà alla conferenza internazionale IAEA “Human and Organizational Aspects of Assuring Nuclear Safety: Exploring 30 years of Safety Culture”

Sogin, con la Radwaste Management School, parteciperà alla conferenza internazionale organizzata dalla IAEA “Human and Organizational Aspects of Assuring Nuclear Safety: Exploring 30 years of Safety Culture” che si terrà dal 22 al 26 febbraio a Vienna.
 
L’obiettivo della conferenza è condividere le migliori pratiche in materia di cultura della sicurezza, approfondendo il ruolo fondamentale svolto dagli aspetti umani e organizzativi.
 
Oltre a essere presente con un proprio stand nell’area “Exhibition” per fornire informazioni sulle proprie attività, la School interverrà mercoledì 24 febbraio alla sessione “On the Leading Edge of Safety Culture Improvement” dedicata alle metodologie di knowledge management per migliorare la cultura della sicurezza.
 
 
 

Sogin al Convegno alla Camera dei Deputati su esperienze europee a confronto su gestione rifiuti radioattivi

Roma, 16 febbraio 2016. Si è svolto questa mattina presso la sala “Aldo Moro” della Camera dei Deputati il Convegno dal titolo: ‘La gestione dei rifiuti radioattivi e il sistema dei controlli. Esperienze a confronto tra Francia, Spagna e Italia’, promosso dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati. L’incontro è stata l'occasione per confrontare le esperienze degli altri Paesi europei sulla gestione dei rifiuti radioattivi, in particolare Francia e Spagna, con quella italiana. All'incontro hanno partecipato, fra gli altri: la Vice Presidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, il Presidente della Commissione bicamerale, Alessandro Bratti, il Direttore della Dir. Energia nucleare, sicurezza e Iter della Commissione Europea Massimo Garribba, il Presidente di Enresa, Juan Jose' Gomez, il Direttore generale dell' Autorità di sicurezza nucleare francese, Jean Christophe Niel e il Presidente di Sogin, Giuseppe Zollino.

In allegato la presentazione del Presidente Sogin, G. Zollino.

Concorso di idee "Officina Futuro", aperta la selezione dei componenti della Commissione Giudicatrice

​Roma, 08/02/2016 – Sogin ha aperto la procedura di selezione dei componenti della Commissione Giudicatrice per il concorso di idee “Officina Futuro”.
 
Il concorso, rivolto sia a professionisti - come architetti, pianificatori, ingegneri e paesaggisti - che a studenti di facoltà tecniche, mira a raccogliere le migliori proposte di concept architettonico del futuro Parco Tecnologico che sorgerà all’interno del Deposito Nazionale, l’infrastruttura di superficie dove saranno sistemati definitivamente i rifiuti radioattivi prodotti nel nostro Paese. Il Parco Tecnologico sarà un centro di ricerca e formazione a livello internazionale dedicato, in particolare, a studi nel campo dello smantellamento degli impianti nucleari, della gestione dei rifiuti radioattivi e della salvaguardia ambientale.
 
L'avviso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana di oggi, oltre ad essere disponibile su questo sito, nella sezione Bandi di gara. Gli interessati possono inviare la propria candidatura, con la documentazione richiesta, entro le ore 16.00 del 23/02/2016.

 

​Verifica della Commissione Europea presso l’impianto ITREC ai sensi dell’art. 35 del Trattato EURATOM

Il 15 e il 16 dicembre si è svolta presso l’impianto Itrec di Rotondella, gestito da Sogin, una verifica da parte di funzionari del Dipartimento Energia della Commissione Europea sulle attività di monitoraggio degli scarichi radioattivi e della radioattività ambientale nell’area del sito. Alla verifica hanno partecipato Ispra, Sogin e Arpa Basilicata e in particolare nell’impianto Itrec ha riguardato le attività, le apparecchiature e i laboratori presenti nonché il programma di sorveglianza ambientale attuato da Sogin.
La verifica è stata effettuata ai sensi dell’articolo 35 del Trattato EURATOM.
La Commissione Europea, come prassi, redige e rende pubblica una relazione tecnica dettagliata sull’attività svolta, ma ha comunque comunicato nei giorni scorsi le seguenti risultanze preliminari, come riportate nella nota pubblicata da Ispra sul proprio sito:
 
"A team of inspectors from the Directorate-General Energy carried out a verification of the monitoring of the environment and radioactive discharges of the ITREC plant on 15-16 December 2015 according to the Article 35 of the Euratom Treaty. The verification included also the SOGIN and ARPA Basilicata laboratories, which are in charge of analysis of environmental and discharge samples.
 
The preliminary analysis of the verification results indicates good compliance with the requirements of the Treaty. There is no need for the Commission to make recommendations on the monitoring of environmental radioactivity in the vicinity of the ITREC plant or on the monitoring of radioactive discharges".
 

La Commissione rileva una buona applicazione da parte di Sogin di quanto previsto dal Trattato e che non sono necessarie ulteriori raccomandazioni su come vengono svolte le attività di monitoraggio ambientale dell'impianto Itrec.

Sogin al convegno "La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi"

Torino, 28/01/2016 - Si è tenuto oggi a Torino, presso il Centro Incontri della Regione Piemonte, il convegno "La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi", organizzato da ARPA Piemonte in collaborazione con la Regione.
 
Il convegno, al quale ha partecipato Sogin, si è svolto in due sessioni: la prima dedicata alla disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la seconda alla gestione dei rifiuti radioattivi e al progetto del Deposito Nazionale e Parco Tecnologico. In allegato il programma della giornata.
 
Per Sogin sono intervenuti Davide Galli, Responsabile Smantellamento Impianti Nord Italia, Fabio Chiaravalli, Direttore Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, e Federico Colosi, Direttore Relazioni Esterne. Di seguito le loro presentazioni.
 

Nota Stampa - Impianto Eurex di Saluggia

Roma, 26/01/2016. In merito alle notizie diffuse a mezzo stampa, fra venerdì 22 gennaio e oggi, sul rilevamento di tracce di radioattività in campioni d’acqua della falda superficiale nel comprensorio di Saluggia (Vercelli), Sogin precisa che - come rappresentato chiaramente da Arpa Piemonte - queste non sono riconducibili all’impianto Eurex, gestito da Sogin.

 
Questa mattina infatti Arpa Piemonte ha chiarito con una nota pubblicata sul proprio sito internet che Sogin già nel 2008 aveva terminato lo svuotamento e la bonifica della piscina dell’impianto Eurex dalla quale in passato si erano registrate perdite seppur entro limiti irrilevanti dal punto di vista radiologico.

 

Su sogin.it il portale “RE.MO.” sui monitoraggi ambientali nei siti nucleari

Roma, 22/01/2016 – Sogin lancia il portale cartografico “RE.MO. - REte di MOnitoraggio”, accessibile dal sito internet www.sogin.it, che raccoglie i dati sul monitoraggio ambientale, convenzionale e radiologico, degli impianti nucleari, nonché informazioni sull’andamento dei lavori di decommissioning. I dati sono aggiornati con frequenza semestrale.

L’obiettivo è favorire l’informazione e la trasparenza sulle attività che Sogin sta portando avanti nei siti nucleari, rafforzando il rapporto con gli stakeholder e il dialogo con il territorio. RE.MO. è infatti uno strumento che fornisce dati puntuali utilizzando però un linguaggio semplice e un layout grafico intuitivo.