Tavolo della Trasparenza - Regione Campania

Sessa Aurunca, 07/07/2017 - Si è riunito oggi presso il Comune di Sessa Aurunca il Tavolo della Trasparenza sulle attività di decommissioning della centrale nucleare del Garigliano convocato dal vice presidente della Giunta regionale della Campania e assessore all’Urbanistica e all’Ambiente Fulvio Bonavitacola. 

Nel corso della riunione Sogin ha illustrato i lavori di smantellamento (decommissioning) in corso nell’impianto campano. 


Nota stampa informativa - Impianto Eurex di Saluggia

Confindustria Piacenza-Sogin: costruire insieme la filiera italiana del decommissioning

Un momento del workshop in Confindustria PiacenzaPiacenza, 15/06/2017 - Nel pomeriggio di ieri si è svolto a Piacenza il workshop tecnico “La chiusura del ciclo nucleare: le opportunità per la filiera italiana”, organizzato da Confindustria Piacenza e Sogin, la società pubblica che si occupa dello smantellamento (decommissioning) degli impianti nucleari italiani, fra cui la centrale di Caorso, e della gestione dei rifiuti radioattivi.

Rivolta alle imprese del territorio, l’iniziativa risponde al comune impegno di Confindustria Piacenza e Sogin, guidate rispettivamente da Alberto Rota e Luca Desiata, nel rafforzare le sinergie e cogliere così le opportunità di sviluppo legate alla chiusura del ciclo nucleare, un settore rilevante per il Paese e in graduale espansione all’estero.

In allegato il comunicato stampa congiunto.

Tavolo della Trasparenza - Regione Basilicata

Potenza, 01/06/2017 - Si è riunito oggi il Tavolo della Trasparenza sulle attività di smantellamento (decommissioning) dell'impianto Itrec di Rotondella. La riunione è stata presieduta dal governatore lucano, Marcello Pittella e dall’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono.
 
Il management Sogin ha illustrato nel corso dell'incontro le attività di smantellamento relative all’impianto Itrec.
 

Gruppo Sogin: concluso il trasporto dei fusti a più alta attività dal Cemerad di Statte

Operazioni di allontanamento dei fusti radioattivi dal CemeradRoma, 19/05/2017 - Questa notte si sono concluse le operazioni di movimentazione e trasferimento dei primi 86 fusti contenenti rifiuti radioattivi dal deposito Cemerad di Statte (Taranto) agli impianti Nucleco della Casaccia. Questa operazione ha permesso già di ridurre di oltre l’80% la radioattività presente nel sito.

La bonifica del Cemerad è stata affidata al Gruppo Sogin, di cui fa parte Nucleco, attraverso un accordo di collaborazione firmato lo scorso 13 aprile dal Commissario Straordinario, Vera Corbelli, e dall’Amministratore Delegato di Sogin, Luca Desiata.

Il programma di bonifica si articola in quattro fasi principali: lavori propedeutici e apertura del cantiere; rimozione e allontanamento dei fusti; caratterizzazione e gestione dei rifiuti; bonifica finale del sito e successivo rilascio senza vincoli di natura radiologica. Tutte le diverse operazioni vengono svolte nel rispetto dei più elevati standard di sicurezza a tutela dei lavoratori, della popolazione e dell’ambiente.

L’allontanamento di tutti i rifiuti radioattivi terminerà entro maggio 2018, quando saranno liberati completamente locali e aree del deposito. La conclusione della bonifica è prevista per dicembre 2018.

In allegato il comunicato stampa diffuso (foto 1 - foto 2 - foto 3)

Sogin-Confindustria Caserta: costruire insieme la filiera italiana del decommissioning

Caserta, 17/05/2017 – Si è svolto questa mattina a Caserta il workshop tecnico “La chiusura del ciclo nucleare: le opportunità per la filiera italiana”, organizzato da Confindustria Caserta e Sogin, la società pubblica che si occupa dello smantellamento (decommissioning) degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi.

L’iniziativa, rivolta alle imprese del territorio, risponde al comune impegno di Confindustria Caserta e Sogin, guidate rispettivamente da Luigi Traettino e Luca Desiata, nel rafforzare le sinergie e cogliere così le opportunità di sviluppo legate alla chiusura del ciclo nucleare, un settore rilevante per il Paese e in graduale espansione all’estero.

In allegato il comunicato stampa congiunto

Cresce l’attenzione internazionale per Sogin: tecnici ungheresi in visita alla centrale di Caorso

Caorso, 17/05/2017 – Una delegazione di tecnici della centrale nucleare ungherese di Paks ha visitato nei giorni scorsi la centrale nucleare di Caorso (Piacenza). L’iniziativa mira ad instaurare un rapporto di condivisione dei reciproci know-how per lo sviluppo di future cooperazioni nei diversi ambiti del project management e della gestione dei rifiuti radioattivi.
 
La delegazione è stata accolta dai tecnici Sogin che hanno illustrato le principali operazioni di decommissioning realizzate e in corso nel sito. Sono state, inoltre, presentate le attività di alta formazione tecnico-scientifica curate dalla Radwaste Management School (RMS) del Gruppo Sogin.

In allegato il comunicato stampa

Tavolo Territoriale di confronto - Comune di Caorso

Caorso, 12/05/2017 - Si è svolto oggi presso la Sala consiliare del Comune di Caorso il Tavolo Territoriale di confronto sulla centrale nucleare di Caorso.

In allegato la presentazione illustrata da Sogin

Regione Emilia Romagna-Sogin: Il futuro dello smantellamento della centrale nucleare di Caorso

Bologna, 10/05/2017 – Questa mattina a Bologna, presso la sede della Regione Emilia – Romagna, si è tenuto un incontro tra Paola Gazzolo, Assessore regionale alle Politiche ambientali, e Luca Desiata, Amministratore Delegato di Sogin, la società pubblica che si occupa dello smantellamento (decommissioning) degli impianti nucleari italiani, fra cui la centrale di Caorso, e della gestione dei rifiuti radioattivi.
 
Nel corso dell’incontro sono state illustrate le principali attività in corso e in programma nella centrale di Caorso.
 
In allegato il comunicato stampa congiunto

Unindustria-Sogin: costruire insieme la filiera italiana del decommissioning nucleare

Roma, 19/04/2017 – Questa mattina a Roma si è svolto il workshop tecnico “La chiusura del ciclo nucleare: le opportunità per la filiera italiana”, organizzato da Unindustria e Sogin, la società pubblica che si occupa dello smantellamento (decommissioning) degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi.

Rivolta al mondo imprenditoriale, l’iniziativa risponde al comune impegno di Unindustria e Sogin, guidate rispettivamente da Filippo Tortoriello e Luca Desiata, nel rafforzare le sinergie per cogliere le opportunità di sviluppo legate alla chiusura del ciclo nucleare, un settore rilevante per il Paese e in graduale espansione all’estero.
 
In allegato il comunicato stampa congiunto diffuso 

Open Gate: posti disponibili solo per la centrale del Garigliano a 2 giorni dalla chiusura delle iscrizioni

Open Gate 2017Roma, 18/04/2017 - Ultimi due giorni per iscriversi a “Open Gate 2017”, l’iniziativa con cui Sogin apre il 6 e il 7 maggio le porte dei siti nucleari in smantellamento di Trino (Vercelli), Caorso (Piacenza), Latina e Garigliano (Caserta) e, per la prima volta, dell’impianto Eurex di Saluggia (Vercelli).

Entro giovedì 20 aprile, è possibile prenotare on line su www.sogin.it gli ultimi posti disponibili per la visita alla “zona non controllata” della centrale del Garigliano, al confine fra Lazio e Campania, mentre è già “tutto esaurito” nei restanti impianti.

All’interno della centrale campana con la caratteristica “sfera” che racchiude il reattore, il percorso “zona non controllata” permette di visitare la sala controllo, l’area “box counter”, funzionale alla caratterizzazione dei rifiuti radioattivi, e l’area esterna al cantiere per la bonifica delle trincee dove erano stati interrati i rifiuti radioattivi durante l’esercizio della centrale.

Le visite, della durata di circa due ore, saranno guidate dai tecnici Sogin che racconteranno la storia di questi siti industriali, unici nel loro genere, e il lavoro che svolgono ogni giorno con l’obiettivo di chiudere il ciclo nucleare italiano, garantendo la sicurezza della popolazione e dell’ambiente.

Si sono già iscritte oltre 3.000 persone. I visitatori avranno l’occasione di conoscere le modalità e le tecnologie adottate nello smantellamento degli impianti nucleari e nella gestione dei rifiuti radioattivi. La partecipazione all’evento è gratuita.
 
In allegato il comunicato stampa diffuso

Sogin-Confindustria Vercelli Valsesia: costruire insieme la filiera italiana del decommissioning

Vercelli, 03/04/2017 – “La chiusura del ciclo nucleare: le opportunità per la filiera italiana”. Questo è il tema del workshop tecnico che si è svolto oggi a Vercelli, organizzato da Sogin insieme a Confindustria Vercelli-Valsesia e rivolto al mondo imprenditoriale. Obiettivo comune dell’iniziativa: illustrare le opportunità che possono aprirsi per le aziende locali con lo smantellamento (decommissioning) dei tre siti nucleari piemontesi, la centrale di Trino e gli impianti Eurex di Saluggia e FN di Bosco Marengo.
 
Quello di oggi a Vercelli è uno degli appuntamenti promossi da Sogin nei territori dove sta portando avanti lo smantellamento degli impianti nucleari.
 
All’evento sono intervenuti, fra gli altri, Giorgio Cottura, Presidente di Confindustria Vercelli Valsesia, e Luca Desiata, Amministratore Delegato di Sogin.
 
In allegato il comunicato stampa congiunto diffuso

 

Open Gate: iscrizioni ancora aperte per visitare Saluggia, Latina e Garigliano

Open Gate 2017Roma, 30/03/2017 - Mancano poco più di due settimane alla chiusura delle iscrizioni per partecipare il 6 e il 7 maggio ad “Open Gate 2017”, l’iniziativa con cui Sogin apre le porte dei siti nucleari in decommissioning di Trino (Vercelli), Caorso (Piacenza), Latina e Garigliano (Caserta) e, per la prima volta, dell’impianto Eurex di Saluggia (Vercelli).

Le iscrizioni on line su www.sogin.it si sono aperte lo scorso 20 marzo, dando la possibilità di scegliere l’impianto da visitare e prenotare per uno dei percorsi previsti, “zona controllata” e “zona non controllata”. La partecipazione all’evento è gratuita.
 
In soli dieci giorni le adesioni ricevute sono state oltre 2.400, registrando il “tutto esaurito” per le centrali di Trino e Caorso e per la “zona controllata” dei restanti impianti.
 
Entro giovedì 20 aprile è ancora possibile prenotare on line su www.sogin.it la visita alla “zona non controllata” di Saluggia, Latina e Garigliano, scegliendo uno fra i diversi turni programmati dalla mattina fino al tardo pomeriggio. In questa zona possono accedere, se accompagnati, anche i minori a partire da sei anni.
 
In allegato il comunicato stampa diffuso

 

Confermata la registrazione EMAS per la centrale di Caorso

​Nel marzo 2017 è stata confermata la registrazione EMAS della centrale di Caorso, con la Dichiarazione Ambientale aggiornata al 2016.

Tale rinnovo evidenzia l’impegno continuo del personale della centrale piacentina per mantenere elevate prestazioni ambientali nelle attività di decommissioning.

In allegato Dichiarazione Ambientale Centrale di Caorso - aggiornamento 2016

Nucleco (Gruppo Sogin) supporterà il CERN di Ginevra nella caratterizzazione radiologica

Roma, 28/03/2017 – Nucleco, la società del Gruppo Sogin che opera nel campo dei servizi radiologici, della gestione dei rifiuti radioattivi e della bonifica di impianti nucleari e siti industriali, ha firmato nei giorni scorsi un contratto con il CERN, l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare, per un servizio di supporto alla caratterizzazione radiologica nell’ambito del progetto CLEAR.

Il contratto è stato siglato al termine di una Price Enquiry alla quale Nucleco è stata invitata a partecipare insieme ad un ristretto numero di altri operatori europei qualificati del settore.

In allegato il comunicato stampa diffuso